IPASVI / ECM / Rivista L'Infermiere / Rivista L'Infermiere N°5 - 2016 / Primary Nursing. Un modello applicato. Esperienza nella Svizzera italiana presso l'Ente Ospedaliero Cantonale - Rivista l'Infermiere N°5
SCAFFALE

Primary Nursing. Un modello applicato. Esperienza nella Svizzera italiana presso l'Ente Ospedaliero Cantonale



Autori: Yvonne Willems Cavalli, Susanna Brilli
Casa Editrice Ambrosiana 2016
pagine 136, euro 18,00

Primary Nursing. Un modello applicato. Esperienza nella Svizzera italiana presso l'Ente Ospedaliero CantonaleIl Primary Nursing è un modello organizzativo per l’assistenza infermieristica basato sulla centralità della persona assistita rispetto al percorso di cura e sulla valorizzazione del professionista che la eroga, valorizzazione che non avviene solo attraverso una esaltazione delle competenze già esistenti, ma che si sviluppa anche e soprattutto attraverso lo sviluppo di responsabilità, autorevolezza e accountability negli infermieri.

In Italia la produzione di testi in merito al Primary Nursing è notevolmente aumentata negli ultimi anni, parallelamente alla progressiva applicazione di tale modello in un numero sempre maggiore di aziende sanitarie. Nonostante ciò, il testo proposto da Cavalli e Brilli risulta tutt’altro che scontato o ripetitivo.

Il volume è suddiviso in quattro interessanti capitoli, corredati da un’esaustiva bibliografia, utile al lettore che desiderasse approfondire l’argomento.

Il primo capitolo rimarca l’utilità del Primary Nursing rispetto al superamento di problematiche attuali e molto comuni quali eccessiva standardizzazione e frammentazione dell’assistenza erogata, ma anche scarsa soddisfazione lavorativa degli infermieri. Gli autori illustrano, a partire dalla rilevazione di tali criticità, il progetto di miglioramento realizzato presso l’Ente Ospedaliero Cantonale e la valutazione dei relativi risultati conseguiti.

La descrizione dettagliata dell’esperienza di implementazione del modello organizzativo data nei capitoli secondo e terzo, fornisce al lettore una traccia concreta sul come sia stato realizzato il cambiamento sia a livello di macroprogettazione (finalità del progetto, costituzione del gruppo di lavoro, pianificazione delle attività, sistema di valutazione...) sia a livello micro (implementazione vera e propria del Primary Nursing nelle strutture operative).

Il lettore ha poi la possibilità di entrare nel cuore del progetto prendendo visione del vero e proprio manuale operativo, contenente appunto tutte le schede operative prodotte dal gruppo di progetto: un utile suggerimento circa come replicare in altri contesti l’esperienza step by step.


Rachele Ferrua
Infermiera presso SC Gastroenterologia, AO S.Croce e Carle di Cuneo
Collaboratore e consulente presso Centro Studi Professioni Sanitarie (CESPI) Torino

Stampa
Condividi su: