IPASVI / CHI SIAMO / 12 maggio: Giornata internazionale dell'Infermiere

12 maggio: Giornata internazionale dell'Infermiere

Scarica le locandine in PDF

Il 12 maggio 1820 è nata Florence Nightingale, fondatrice delle Scienze infermieristiche moderne. L’International Council of Nurses (l'Icn è una Federazione di più di 130 Associazioni nazionali infermieristiche, che rappresentano più di 13 milioni di infermieri nel mondo) ricorda questa data celebrando in tutto il mondo la Giornata internazionale dell’Infermiere.

Negli anni Sessanta in Italia a celebrare il 12 maggio sono la Consociazione (Caioss), le Associazioni infermieristiche e qualche Collegio provinciale. E’ nel 1980 che la Federazione nazionale Ipasvi decide di sostenere in prima persona l’iniziativa, annunciandola sul “Notiziario”. L’intento dichiarato dal gruppo dirigente è quello di richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sui valori di cui è portatrice la professione infermieristica: “una professione che trova il suo significato più originale e autentico nel servizio all'uomo”.

La scelta appare quanto mai opportuna e raccoglie ampi consensi, come dimostra il fitto calendario di iniziative promosse dai Collegi e dalle Associazioni, che ormai tradizionalmente si concentrano intorno a quella data anche nel nostro Paese.

A partire dal 1992 la Federazione nazionale Collegi Ipasvi sostiene la Giornata internazionale dell’Infermiere anche con la diffusione di manifesti che sottolineano l’impegno degli infermieri italiani sui temi della solidarietà e dell’alleanza con i pazienti e le loro famiglie. Gli slogan proposti in oltre un decennio ribadiscono tutti la scelta di stare “dalla parte del cittadino”.

1992 : Professione Salute, gesti che contano

1993 : Attenzione! La vita è fragile. Educare, prevenire assistere: gli infermieri a tutela della salute

1994 : Insieme per la salute. Professione infermiere. Per il benessere della persona, della famiglia e del Paese

1995 : Per 365 giorni l’anno 300.000 infermieri assistono chi si ammala e chi ha bisogno di cure. Oggi, soltanto oggi, si fanno un po’ di pubblicità

1996 : “Patto infermiere – cittadino” (recepito nel 1999 come premessa del nuovo Codice deontologico)

1997 : Il 12 maggio regala un gesto

1998 : C’è chi ha scoperto che oltre alle malattie esistono anche i malati. Noi infermieri lo sapevamo già

1999 : Assistenza a piene mani. Il nuovo Codice deontologico degli infermieri, una garanzia di buona sanità. I doveri degli infermieri sono i diritti dei cittadini.

2001 : Un Sorriso infermiere

2002 : L’infermiere, una presenza familiare nella tua vita. Professionisti sanitari capaci di fornire risposte complesse alla domanda di salute dei cittadini

2003 : Agli infermieri non importa la tua razza, il tuo credo, il tuo sesso. L’importante è assisterti. Chiunque e ovunque tu sia.

2004 : 326.000 infermieri schierati ogni giorno a difesa della vita. Le nostre armi sono la professionalità, l’impegno e la consapevolezza. Il nostro obiettivo è difendere la vita a oltranza

2005 : L’infermieristica italiana in Europa. Incontro e confronto di obiettivi e valori. Annuncio del XIV Congresso nazionale Ipasvi

2006 : Più infermieri = più salute

2007 : Guardare la vita negli occhi. Ogni giorno

2008 : Infermiere. Una storia che racconta milioni di vite

2009 : Noi infermieri con i nostri valori dalla vostra parte. Sempre

2010 : Affranca la vita! Gli infermieri italiani al fianco delle donne che lottano contro il tumore del seno

2011 : Infermieri. I nostri valori non cambiamo. I modi per condividerli, sì

2012 : Venti di cambiamento. Verso altri vent'anni di impegno degli infermieri italiani per i nuovi diritti dei cittadini.

2013 : La salute è un diritto di civiltà. Tutelarla è un impegno degli infermieri. In allegato la traduzione, curata da Ipasvi e Cnai, del documento dell'ICN "Ridurre il divario: gli obiettivi di sviluppo per il Millennio (6 - 5 - 4)"

2014 : Infermieri e cittadini: uniti in rete per la salute.

2015 : Gli infermieri al fianco dei cittadini. Vicini ai loro bisogni di salute. Sempre.

2016: La salute mi aveva abbandonato. Gli infermieri mai.


Il 12 maggio è così diventato l’occasione per far sì che la professione infermieristica “parli un po’ di sé” con i ricoverati negli ospedali, con gli utenti dei servizi territoriali, con gli anziani, con gli altri professionisti della sanità, con i giovani che devono scegliere un lavoro, con tutti coloro – insomma – che nel corso della propria vita hanno incontrato o incontreranno “un infermiere”.

Condividi su:
Iscriviti alla Newsletter

IV GIORNATA NAZIONALE SULL’ESERCIZIO LIBERO PROFESSIONALE INFERMIERISTICO - Como 17 aprile 2016

Sintesi, documenti e video dell'evento