IPASVI / ATTUALITÀ / Nasce presso la Federazione Ipasvi la Consulta permanente della formazione universitaria

Nasce presso la Federazione Ipasvi la Consulta permanente della formazione universitaria

Nasce presso la Federazione Ipasvi la Consulta permanente della formazione universitaria

23/06/2017 - La Consulta favorirà il confronto e la crescita culturale sulle tematiche di interesse per la professione infermieristica, sviluppando la collaborazione e il coordinamento tra la Federazione e il mondo accademico infermieristico.

Prende il via da oggi la Consulta permanente della formazione universitaria, voluta dalla Federazione nazionale Ipasvi per favorire il confronto e la crescita culturale sulle tematiche di interesse per la professione infermieristica, sviluppando la collaborazione e il coordinamento tra la Federazione e tutti i Professori-Coordinatori-Ricercatori e Presidenti dei corsi di laurea in infermieristica e chiunque a livello universitario si occupi della formazione professionale infermieristica con incarichi di responsabilità.

“La formazione per noi – ha detto la presidente Ipasvi Barbara Mangiacavalli agli oltre 50 rappresentanti del mondo accademico infermieristico presenti alla prima assemblea del nuovo organismo Ipasvi – è un tema prioritario. Per questo è importante che si sia un’alleanza e una sinergia di tutte le anime della nostra professione di cui l’Università è la base portante”.

La Consulta svolge funzioni di consultazione ed è sentita preventivamente in merito a tematiche professionali definite dal Comitato Centrale della Federazione, proponendo, segnalando e collaborando con questa  sulle diverse tematiche. Il Comitato centrale deciderà poi l’utilizzo dei pareri espressi dalla Consulta che verranno comunque formalizzati.

 “La Consulta non si sovrapporrà ad alcuno dei comitati esistenti a livello universitario – ha detto ancora Mangiacavalli – ma in un momento storico come questo in cui sono cambiate le prospettive del mondo del lavoro, può rappresentare anche una fonte di nuovi indirizzi per i giovani che intendo dedicarsi alla professione”.

La presidente Ipasvi ha ricordato come esempi la nuova richiesta di infermieri delle multinazionali farmaceutiche convinte che sia l’infermiere più di altre figure professionali a poter garantire la compliance terapeutica. O anche quella delle assicurazioni alle quali i cittadini chiedono pacchetti non solo per la cura, ma anche per l’assistenza continuativa e domiciliare che è affidata, appunto, agli infermieri.

C’è poi il mondo della libera professione che i giovani ben conoscono e che affrontano con serenità, ma sul quale e per il quale, dovrebbero essere adeguatamente preparati fin dagli studi universitari che potrebbero spiegare loro – e formarli in questo senso - anche tutti gli indirizzi professionali diversi.

La Consulta è, quindi, un luogo di confronto, comunicazione e studio tra la Ipasvi e mondo universitario, i cui rappresentanti hanno accolto appieno la proposta Ipasvi di lavorare in sintonia e sinergia con la Federazione, 

Stampa
Condividi su:
Iscriviti alla Newsletter

IX CONFERENZA  DELLE POLITICHE DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA
Bologna 
21 aprile 2017

Sintesi, documenti e video dell'evento