FNOPI / ATTUALITÀ / Cives: parte la campagna nazionale di prevenzione "Infermieri sempre in campo"

Cives: parte la campagna nazionale di prevenzione "Infermieri sempre in campo"

Cives: parte la campagna nazionale di prevenzione "Infermieri sempre in campo"

12/05/2016 - Infermieri sempre in campo: partono la campagna nazionale di educazione e prevenzione “Salute e cittadini… In Emergenza e non… Infermieri sempre in campo!”  e il progetto “il mio kit di emergenza” dedicato ai bambini

Infermieri  sempre in campo: grazie a un’iniziativa di Cives Onlus (Coordinamento infermieri volontari in emergenza sanitaria Onlus), organizzazione di rilievo nazionale della Protezione Civile,  i professionisti  infermieri  spiegheranno ed educheranno i cittadini ai corretti stili di vita, soprattutto nella prevenzione : tema per il 2016 l’ ipertensione arteriosa e le malattie cardiovascolari.

Cives ha deciso di dare vita a una campagna nazionale che prende il via sabato 14 maggio con una serie di manifestazioni organizzate in 21 piazze da Varese a Catania. Al Castello Svevo di Barletta, intorno alle 16,30 si raccoglieranno volontari e scolaresche e interverrà la presidente della Federazione nazionale degli infermieri, Barbara Mangiacavalli.
 
Obiettivo è  promuovere la salute dei cittadini, sviluppando i temi utili a prevenire danni e malattie e promuovere il benessere della società.
 
Secondo una indagine Censis, l’infermiere è visto dalla comunità come la figura che rasserena e supporta la persona nel bisogno di cure.
 
E con la frase che dà vita alla intera campagna “infermieri sempre in campo!”, si evidenzia proprio come l’infermiere può assistere qualificatamente, educare alla salute, e/o garantire l’intervento di soccorso dopo una calamità, per far comprendere cosa sia oggi l’infermiere e quale supporto possa fornire al cittadino.
 
"La decisione di Cives – ha commentato  il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio - di investire su “Salute e cittadini… In Emergenza e non… Infermieri sempre in campo!”, progetto nazionale di informazione ed educazione verso i cittadini, va proprio nella direzione che il Dipartimento, con forza, sta cercando di imprimere a tutte le attività  del sistema di protezione civile: diffondere una matura cultura della prevenzione, a tutto tondo. Per questo sono convinto che le attività che Cives proporrà nelle piazze potranno, in futuro, svilupparsi e integrarsi in modo sempre più sinergico con quanto, quotidianamente, promuove il Dipartimento."
 
Strumenti della campagna saranno anche una brochure in cui si spiega il perché della scelta e un opuscolo, una piccola guida al miglioramento dello stile di vita, per ridurre l’incidenza della malattia. Conservarlo e consultarlo di tanto in tanto, aiuterà il cittadino e la comunità, a soddisfare il bisogno primario di salute.
 
Ma l’impegno Cives non si ferma qui. Gli infermieri volontari, infatti, hanno messo a punto un kit per la Protezione Civile dedicato ai bambini, che potrà essere inserito nel materiale didattico dei campi scuola estivi che organizza il Dipartimento ogni anno.  Si chiama “Il mio kit d’emergenza” e si tratta di un percorso ragionato di quali presidi ed elementi sono utili   in caso di emergenza  sanitaria e calamità.  
 
Il kit consiste in una scatola/sacchetto con all’interno tanti cartoncini su cui saranno disegnati, pescandoli da tre diversi contenitori:
  • “il sapere” rappresentato da schede con cui giocare, su cui sono presenti i presidi (cerotti, garze, disinfettante, termometro e così via);
  • “il saper fare” schede su cui sono presenti i numeri utili, e chi chiamo in caso di necessità;
  • “la conoscenza” , attraverso un ragionamento si attiva nel bambino , la consapevolezza dell’importanza che riveste l’autotutela nel sistema di Soccorso Sanitario e della Protezione Civile .
 
Con questo strumento Cives Onlus vuole rivolgersi ai bambini e ai ragazzi per arrivare anche alle famiglie, trasferendo nelle case il messaggio di autotutela per l’emergenza.  Alla fine oltre ai gadget della campagna, al bambino verrà anche rilasciato un  diploma per attestare il suo impegno.
 
Stampa
Condividi su:

11^ Conferenza Nazionale
delle Politiche
della Professione Infermieristica
Firenze 31 maggio 2019


Sintesi e documenti dell'evento